Nuovi “centenari” nella collezione di Pennantsmuseum.com

Il recente ritrovamento, e aggiunta nella sua splendida e unica collezione, da parte di Marco Cianfanelli di tre labari storici, ci offre la possibilità di addentrarci nel calcio “pioneristico” dei primi anni ’10 e, in anteprima assoluta, di poter ammirare questi tre capolavori. Intervista rilasciata per gli amici di glieroidelcalcio.com

Un calcio pittoresco ed anche un po’ naif dove i calciatori indossavano uniformi da gioco anche diverse da loro, pur conservandone i colori sociali, con i portieri bardati da divise che promettevano una “singolar tenzone” contro agguerritissimi avversari.

I tre rari “centenari”

Marco, grazie per donarci questa splendida opportunità di poter vedere in anteprima questi fantastici gagliardetti. Quali spunti sono sottesi da queste tre meraviglie? “La prima testimonianza è quella che in quel periodo le Società già realizzavano gagliardetti da donare alla squadra avversaria. Nella carenza di testimonianze documentali (foto, articoli dell’epoca etc.) questi labari provano che sin dai primi campionati disputati (erano quelli di Prima Divisione in attesa della Divisione Nazionale che subentrò a partire dalla stagione 1926-1927) venivano donati oggetti finemente decorati alla squadra avversaria. Quanto precede offre lo spunto anche per un’ulteriore considerazione che conferisce rarità ed elevato interesse collezionistico a questo materiale. Al di là di documentazione cartacea od altro materiale realizzato all’epoca come ad esempio i distintivi sociali, questi labari, in effetti, non solo tramandano una storia ultracentenaria ma sono anche tra le pochissime e certe testimonianze di memorabilia associata ad un determinato evento. Ciò è deducibile dalle date recate sui gagliardetti ciascuna corrispondente a gare disputate, rispettivamente, da Milan e Inter nei gironi regionali del campionato di Prima Divisione”.

“Altro aspetto affascinante, ancora sotto approfondimento”, continua Marco, “riguarda le iscrizioni e taluni particolari dei gagliardetti. All’epoca evidentemente erano concesse anche divagazioni in merito alla denominazione sociale. Cito questo riferendomi ai gagliardetti del Milan che riportano l’acronimo MFC – Milan Football Club sebbene all’epoca la denominazione sociale dei rossoneri era Milan Foot-Ball & Cricket Club ovvero MFBCC. Allora perché questa divagazione? Probabilmente per un semplice tentativo di abbreviarne la denominazione come, peraltro, era stile dei giornali di quel periodo che citando i rossoneri utilizzavano semplicemente la dicitura Milan Club. In aggiunta, in entrambe i gagliardetti milanisti il logo è privo dell’anno di fondazione nonché dell’acronimo della denominazione sociale nella parte superiore dell’ovale. In entrambe i citati casi si tralasciano dettagli che invece appartengono allo stemma societario dell’epoca, senza però snaturare la straordinaria bellezza e la meravigliosa ed unica testimonianza storica di questi oggetti”.

Marco, oltre a questi due un altro interessante spunto riguarda il labaro interista del 1919 che molto assomiglia ad un analogo del 1911, che già abbiamo visto nella tua collezione in passato… “Si, vero ne avevo già uno simile. Diciamo che qui oltre allo stemma centrale, splendidamente realizzato con piccole sfere dorate riunite a formare l’acronimo IFCM – Inter Football Club Milano, vi è una davvero inusuale presenza di due coccarde. Mi è difficile spiegarne l’esatto significato ed una possibile giustificazione potrebbe ricondurre a vittorie nerazzurre in competizioni di particolare rilievo. Avrebbe, pertanto, senso l’unica coccarda di cui si fregia il labaro del 1911 (l’Inter aveva infatti vinto il campionato nella stagione precedente), mentre le due apposte sul gagliardetto del 1919 non sono riconducibili ad alcuna rilevante ulteriore vittoria (solo al termine della stagione 1919-1920 l’Inter conquistò il suo secondo titolo). Oltre a questo, occorrerebbe una divagazione sul significato delle coccarde riportanti il tricolore che nel periodo del Risorgimento venivano utilizzate per adornare abiti e cappelli di patrioti a richiamare l’attaccamento alla Patria. Potrebbe, pertanto, essere plausibile che le coccarde anziché rappresentative di vittorie siano un segno tangibile della tradizione della squadra riportandone i colori sociali, almeno nella loro colorazione originaria”.

A latere di disquisizioni puramente estetiche, vi è da dire che il fascino reale di questi labari è connesso con i protagonisti all’epoca delle due compagini milanesi…

“Verissimo. I gagliardetti del Milan, infatti, fanno venire in mente le gesta di grandissimi giocatori come Louis Van Hege che vanta, nella militanza al Milan, una prolificità incredibile superiore al gol a partita (97 gol a fronte di 88 partite disputate). Il belga militò con i rossoneri per cinque stagioni (dal 1910 al 1915) prima di rientrare in Belgio in corrispondenza dello scoppio del primo conflitto mondiale ove si distinse per particolari meriti. Il labaro del 1911 si riferisce all’incontro disputato presso l’Arena Civica contro il Genoa e che vide protagonista proprio il forte attaccante con una doppietta”.

“L’ulteriore labaro del Milan riguarda sempre una partita disputata contro il Genova, anche questa terminata con una vittoria rossonera per 4-0. Le cronache dell’epoca parlano di una clamorosa ed inaspettata vittoria del Milan contro i rossoblù reduci da una serie di risultati positivi ed indubbiamente la squadra più forte in quel periodo. Di quel Milan, oltre al bomber Van Hege, faceva parte un altro grande calciatore, il difensore Renzo De Vecchi che militò nel Milan dal 1909 al 1913, anno in cui si trasferì proprio al Genoa alla giovane età di 19 anni. Il figlio di Dio, come veniva soprannominato dai tifosi rossoneri per il suo gioco entusiasmante, ebbe anche una lunga militanza in maglia azzurra (43 partite dal 1910 al 1925) vestendone anche, in diverse occasioni, la fascia di capitano”.

“Il gagliardetto dell’Inter, ultimo dei tre nuovi arrivi, si riferisce alla partita di Prima Divisione – fase regionale disputata il 19 ottobre contro il Brescia. Si trattava del campionato della ripresa dopo il termine del primo conflitto mondiale e la stagione culminò con il secondo titolo conquistato dall’Inter che prevalse nella finale di Bologna contro un coriaceo Livorno. Tra i veterani della squadra, oltre allo svizzero naturalizzato italiano Aebi e Campelli, spiccano i cinque fratelli Cevenini tra cui Luigi, soprannominato “Zizi” per la sua proverbiale loquacità, fu indubbiamente il più famoso, riuscendo a disputare 29 partite in nazionale con un bottino di 11 reti. I fratelli Cevenini stabilirono, nel 1920, un record mai eguagliato. Il 26 dicembre 1920 scesero, infatti, tutti in campo nella sfida stracittadina contro l’Us Milanese.”

Permanent link to this article: http://www.pennantsmuseum.com/nuovi-centenari-nella-collezione-di-pennantsmuseum-com/

Leave a Reply

Your email address will not be published.