Vai al contenuto

“LA SAMP”…ORGOGLIO SAMPIERDARENESE

Emboidered pennant of Sampierdarenese in us ein the 40s. This club was merged with Andrea Doria for a new club named Sampdoria
Emboidered pennant of Sampierdarenese in us ein the 40s. This club was merged with Andrea Doria for a new club named Sampdoria

Sampierdarena e la Sampierdarenese la storia di una squadra di una città, poi quartiere di Genova dal 1926, rimasta nella storia del calcio italiano non solo per aver preso parte e nove campionati di Serie A ma anche perché dalla fusione con l’Andrea Doria, altra squadra storica genovese, nacque il 12 agosto del 1946 l’Unione Calcistica Sampierdarenese Doria Genova, semplicemente la Sampdoria.

Veramente affascinante la storia di questa squadra che rappresentava il vanto di una cittadina davvero operosa che soffrì, soprattutto a livello calcistico, le imposizioni del regime fascista.

Basti pensare ai cambi di denominazione disposti dal Regime nel 1927 che, attraverso l’accorpamento tra la Sampierdarenese e l’Andrea Doria, diede luce alla Dominante oppure quello di dieci anni dopo quando da una “sinergia coatta” tra Sampierdarenese, Rivarolese e Corniglianese sorse il Liguria.

Come non ricordare il fascino del primo Stadio della Sampierdarenese, con la sua iconica tribuna in legno (soprannominata dai tifosi locali in un eloquente “A scàtoa de pìloe”), ricavato dal Parco della Villa Imperiale Scassi una costruzione cinquecentesca soprannominata “La Bellezza” con riferimento ai suoi fasti architettonici ed allo splendore delle decorazioni dei suoi interni.

Cartolina dello Stadio di Villa Scassi (fonte Wikipedia)
Cartolina dello Stadio di Villa Scassi (fonte Wikipedia)

La favola di questa gloriosa squadra nacque nel 1891 dalla polisportiva Società Ginnastica Comunale Sampierdarenese le cui attività della sezione calcistica presero piede nel 1899 per poi arrivare a disputare, nella stagione 1934 – 1935, il primo campionato di serie A sfidando e battendo alla prima giornata i campioni del Bologna.

Il Calcio Illustrato decanta in prima pagina il clamoroso risultato esemplificandolo con il titolo “Mago Felsner” riferendosi alla bravura dell’allenatore austriaco dei liguri mentre nel commento tecnico alla partita l’azzurro De Vecchi scrisse

“…la matricola si è laureata in un’ora e mezzo di esame…”

Per ironia della sorte proprio sul campo del Bologna la Sampierdarenese si era imposta nello spareggio valido per la promozione in A contro il Bari, disputando quell’incontro con maglie verdi che furono donate dal Presidente del Bologna Dall’Ara ai genovesi. Inoltre, Hermann Felsner era stato anni addietro allenatore del Bologna e, quindi, conosceva come arginare la “corazzata” Bologna.

Il gagliardetto odierno ci riporta indietro di circa novanta anni ovvero agli anni trenta, periodo di massimo fulgore della squadra.

Un esemplare semplice privo dello stemma ed affascinante anche per i segni del tempo che hanno oramai portato via lo sfondo bianco e la fascia rossonera centrale su cui è apposto il ricamo della denominazione societaria.

Colori affatto banali in quanti ripercorrono l’intera tradizione della Società ligure. Il Nero come la tonalità che fu utilizzata agli albori della squadra e per tutto il periodo precedente alla Prima Guerra Mondiale. Al termine del conflitto mondiale la Sampierdarenese iniziò le proprie attività nel 1919 assorbendo nelle proprie fila molti giocatori della disciolta Associazione del Calcio Ligure.

In onore alla società del quartiere di Bolzaneto alla fascia nera venne aggiunta quella rossa che ricordava i fasti dell’A.C. Ligure, compagine a sua volta nata da un’ulteriore fusione che aveva interessato tre squadre genovesi.

Pertanto le maglie oggi indossate dai giocatori della Sampdoria non sono altro che l’omaggio ai fasti della Sampierdarense e dell’Andrea Doria squadre genovesi che hanno segnato gli albori del calcio nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.