Vai al contenuto

POLONIA BYTOM…QUANDO LA STORIA SEGNA IL DESTINO DI UNA SQUADRA

Gagliardetto in uso nel 1958
Gagliardetto in uso nel 1958

Esistono poche altre squadre il cui destino venne segnato dalla storia come per il Polonia Bytom, squadra della cittadina polacca situata nell’area industriale dell’Alta Slesia, le cui tradizioni storiche parlano soprattutto tedesco poiché quest’area ricchissima e ambita per gli ingenti giacimenti di carbone venne annessa al Regno di Prussia nel XVIII secolo per poi diventare Regno di Germania verso la fine della XIX secolo.

Le sorti del primo conflitto mondiale riportarono la ridente cittadina di Bytom in Polonia e proprio per la volontà della commissione amministratrice della città che, il 4 gennaio 1920, si costituisce il Polonia Bytom.

La formazione del Polonia Bytom nel 1920. All’epoca i colori societari ancora non erano il rosso e il blu (fonte Wikipedia)
La formazione del Polonia Bytom nel 1920. All’epoca i colori societari ancora non erano il rosso e il blu
(fonte Wikipedia)

La società fa in tempo a disputare soltanto qualche partita prima che la storia ne segna ancora il destino.

Gli esiti del Plebiscito dell’Alta Slesia nel marzo del 1921, dopo almeno due anni di tensioni sfociate nelle cosiddette rivolte dell’Alta Slesia, fanno annettere Bytom alla Germania con la conseguente cessazione dell’attività della locale squadra di calcio.

Le sorti della Seconda Guerra mondiale riportarono Bytom in Polonia e, ancora una volta per conseguenze di fatti non sportivi, rinasce il calcio.

Questa rifondazione avvenne in modo romanzato poiché si concretizzò per volontà di alcuni esuli polacchi calciatori del Pogon Lwow squadra della cittadina di Leopoli, nell’attuale Ucraina.

Nasce in questo modo, nel 1948, il Polonia Bytom che assunse i colori rosso e blu ed insegne del tutto similare a quella del Pogon Lwow. Questo connubio rimase così consolidato che il Polonia Bytom, da alcuni, viene considerata come la continuazione della tradizione sportiva del Pogon Lwow

Il gagliardetto di oggi ci riporta ad un momento significativo della storia della squadra che nel 1958, nel decimo anniversario della sua fondazione, accede per la prima volta in Coppa dei Campioni e lo fa grazie ad un regolamento che consentì ai polacchi di disputare tale competizione sebbene non vincitori del titolo nazionale.

Il sorteggio abbinò il Bytom agli ungheresi del MTK che s’imposero nettamente.

Non fu questa la prima volta che il Polonia Bytom entrò nella massima competizione europea in quanto, nella stagione 1962 – 1963, ritornò in Coppa dei Campioni in virtù del secondo titolo nazionale vinto riuscendo ad approdare agli ottavi di finale dove fu poi eliminato dai turchi del Galatasaray.

Dopo la vittoria nella Coppa Piano Karl Rappen, giunta nella stagione 1964 – 1965, per la squadra dell’Alta Slesia iniziò un declino pressoché costante fino alla terza divisione dove attualmente milita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.